Puoi vietare di scrivere a chi ascolta?
Puoi vietare di fotografare a chi vuole vedere, fare memoria e raccontare?
Temo che molte volte ancora vedremo divieti proprio là dove si vuol fare cultura d’immagine.

Come ho già più volte spiegato, con ostinata convinzione, c’è una fotografia diversa, non fatta di effimere figure omologate, ma presenza che testimonia e che cattura con la sua fisica materialità.
Per quanto mi riguarda, credo, ammiro e pratico due Fotografie: una di flusso e dispersione, come le parole pronunciate nel vento; una di concrete impronte persistenti.
Amo la fotografia materica: segno e scrittura di luce, d’azione e d’artefice.
Non è semplice fotografia, ma Opera.
Le Opere non si rubano copiandole o fotografandole. Anzi la riproduzione e la condivisione della loro immagine fotografica ne consolida la forza e ne sottolinea e moltiplica il valore.

Le Opere comandano: FOTOGRAFA!

Qui puoi fotografare - Divieto di fotografare vs permesso di fotografare

Qui puoi fotografare - Cartello di indicazione di permesso di fotografare

Gabriele Chiesa

Licenza Creative Commons
Questo articolo è pubblicato sotto Licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Go to top