Procedimento fotografico a trasferimento di positivo su lastra in vetro con coloritura manuale (1855 - 1862 circa); in inglese Ivorytype.

Approfondimenti su questo argomento si possono trovare su "Dagherrotipia, Ambrotipia, Ferrotipia. Positivi unici e processi antichi nel ritratto fotografico" dalla pagina 189 alla pagina 202 nella sezione Ivorytype 4.2.0.

The American Ivorytype was introduced by Frederick Wenderoth in 1855. The positive print was painted, then waxed and glued side up to the back of a sheet of clear glass using a combination of Canada balsam and beeswax. In this altered example, the photographic layer is now detached from the glass.

Esemplare alterato di Avoriotipo americano. Questo processo fu inventato da Frederick Wenderoth nel 1855 e consiste in una stampa positiva molto sottile, dipinta sul recto e fatta aderire in modo permanente ad un vetro sul lato esposto all'osservazione.

L'adesivo era una miscela di balsamo di canadà e cera d'api. La produzione interessò una decina d'anni, fino circa al 1865, e fu prevalentemente praticata nell'area di Philadelphia. Ivorytype from Chiesa-Gosio Collections, Brescia.

American Ivorytype (detached layer example) 1860 ca.

© 2015 by Gabriele Chiesa.

Licenza Creative Commons
Questo articolo è distribuito con Licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Approfondimenti su questo argomento si possono trovare su “Dagherrotipia, Ambrotipia, Ferrotipia. Positivi unici e processi antichi nel ritratto fotografico” nei vari capitoli dedicati al processo.

Il libro è disponibile anche in versione digitale su Google Play
[clicca qui].

The book is also available in digital version at Google Play
[click here]
. Sorry: only in Italian language.

American Ivorytype

Go to top