“Correva il 1909, quando Alberto Giulianelli iniziò l'attività di fotografo, operando in numerosi studi in città come Benevento,Venezia e Milano. Rientrato a Ferrara, aprì nel 1914 lo studio in via Borgo dei Leoni, dove tuttora viene svolta l'attività. Il suo grande interesse grafico-pittorico si espresse ai massimi livelli nella fotografia dove la cura per il ritratto assunse toni di assoluto rilievo. Gli anni '30 furono ricchi di successi e riconoscimenti che continuarono sino al 1943, quando lo studio subì i bombardamenti che, purtroppo, distrussero anche gran parte dell'archivio storico. Alla fine della guerra l'attività riprese subito nella parte anteriore dell'edificio risparmiato dalle bombe .Giulianelli si evolve.. Con la completa ricostruzione avvenuta nel 1956, il figlio Giorgio diede nuovo impulso all'impresa di famiglia curando sempre la fotografia e sviluppando anche la divisione ottica.” Sitografia: http://www.otticagiulianelli.it/italiano/storia.php

Fra le varie tecniche fotografiche utilizzò anche la resinotipia.(1927)

La foto alla gelatina al bromuro è contenuta in una busta porta foto ben rifinita e di cartone simil pelle anche al tatto. 

La foto sarebbe databile fra 1l 1900-1910 per il tipo di camicia indossata dalla donna , ma lo studio venne aperto nel 1914 e quindi datiamola 1914.

Interessante anche il numero di telefono n. 40

Il positivo misura 137 x 82 mm.

Fondo Rocchetti/Natalucci

Giulianelli Alberto

Giulianelli Alberto

 

 

Go to top